Parlare di architettura e gestione dei rifiuti può sembrare strano ma negli ultimi anni le tematiche ambientali sono entrate fortemente nel dibattito di qualsiasi disciplina, soprattutto di quelle legate alla progettazione. L’architettura dei rifiuti è un filone concettuale relativamente nuovo e inesplorato incentrato sull’architettura ambientale e, più in particolare, sulla progettazione e il design delle principali opere relative alla gestione e smaltimento dei rifiuti.

Creare una sinergia fra ingegneria ambientale e architettura

La necessità di integrare i sistemi di smaltimento dei rifiuti in una strategia di pianificazione ambientale legata al paesaggio e allo spazio urbano richiede un’attività di pianificazione integrata e un approccio multidisciplinare. Da questo punto di vista, tutti gli aspetti tecnici, una volta appannaggio esclusivo dell’ingegneria ambientale, creano un’interessante sinergia con l’architettura.

Leggi anche: SMALTIMENTO DEI RIFIUTI AUTOMATIZZATO: CI PENSANO I ROBOT

Waste Architecture: architettura e gestione dei rifiuti

Non stupisce quindi che nell’edizione di quest’anno del Sardinia Symposium sia stata creata una nuova area tematica all’interno del Programma, la Waste Architecture, ovvero il connubio fra architettura e gestione dei rifiuti.

Edizione 2017 del Sardinia Symposium

I Simposi Sardinia sono stati istituiti nel 1987 con l’obiettivo di condividere le conoscenze e le esperienze nel campo della gestione dei rifiuti e dello scarico controllato. Da allora sono diventati uno dei principali forum di riferimento a livello mondiale per gli esperti del settore che ogni due anni si ritrovano in Sardegna per presentare e discutere nuove strategie e tecnologie del settore.

L’edizione 2017 si terrà nella tradizionale cornice del Forte Village Resort di S. Margherita di Pula (Cagliari) dal 2 al 6 ottobre e il programma si articolerà in otto sessioni parallele dedicate alla presentazione contributi orali, svariati workshop e una sessione poster.

Leggi anche: ARTE, RICICLO E PAESAGGIO: I SEI GIGANTI DANESI DI THOMAS DAMBO

Come nasce l’idea di una sezione dedicata all′architettura e gestione dei rifiuti

L’idea di istituire una sezione dedicata al tema architettura e gestione dei rifiuti è dello studio Arcoplan, impegnato da diversi anni nell’ambito della progettazione architettonica e paesaggistica rivolta alle grandi opere per l’ingegneria ambientale. Il progetto Waste Architecture Platform vuole essere un contenitore di iniziative dedicate all’architettura per l’ambiente e per le opere legate alla gestione, raccolta e smaltimento dei rifiuti. Secondo lo studio la necessità di inserire le opere per l’ingegneria sanitaria e ambientale in una pianificazione relazionata con il territorio, il paesaggio e lo spazio urbano richiede un’attività progettuale integrata ed un approccio multidisciplinare. Per questo motivo l’ingegneria civile e ambientale dovrebbe confrontarsi sempre più con le tematiche più strettamente legate all’architettura e al design in un’ottica di sinergia e collaborazione.

Sviluppare un nuovo filone progettuale

Obiettivo del progetto Waste Architecture è quello di sviluppare un nuovo filone progettuale, promuovendo una serie di iniziative che coinvolgono esperti di ambiente, architettura, pianificazione, progettazione urbana e territoriale nell’ambito di seminari, tavoli di lavoro e workshop di progettazione.

Leggi anche: ECCO I CAMPIONI ITALIANI DELL’ECONOMIA CIRCOLARE E DELLA GESTIONE DEI RIFIUTI

Le sessioni del Waste Architecture

Le sessioni di Waste Architecture si focalizzeranno sui seguenti aspetti:

  • Riqualificazioni funzionali di nuove e vecchie discariche
  • Interventi di landfill mining e reintegrazione di aree degradate
  • Integrazione dei sistemi di raccolta pneumatica dei rifiuti nel tessuto urbano
  • Sistemi di raccolta dei rifiuti – aspetti architettonici e progettuali
  • Localizzazione degli impianti e relazione con la città
  • Waste Architecture e circular economy (es. Centri del riuso, altre esperienze)
  • Edifici per la preselezione dei rifiuti e impianti di compostaggio
Condividi l'articolo
La discussione è regolata dalle seguenti Policy