Nel quadro d’azione per lo sviluppo urbano sostenibile nell’Unione Europea, avviato nel 1994 con la Carta di Aalborg, la EEVV-EGWA ha organizzato nella città francese di Lille un importante incontro tra rappresentanti di imprese e istituzioni (settembre 2000). Il risultato fu la stesura e l’approvazione all’unanimità della cosiddetta Dichiarazione di Lille, che evidenziò la necessità di sviluppare una “Rete europea di Greenways“. Non è un caso che l’Unione europea abbia scelto Lille come sede dell’Agenzia ferroviaria europea, istituita nel 2004. La città fa parte della rete ENDURANCE, progetto europeo che si occupa della mobilità urbana sostenibile, nella quale manifesta la sua visione di città che integra le condizioni, le opportunità e le necessità derivate da habitat, economia e trasporti. Proprio a Lille, nel 1983, fu inaugurata la prima metropolitana automatizzata del mondo. La stazione ferroviaria di Lille Europe risale invece al 1994 e collega la città a Londra, Bruxelles e Parigi in tempi molto brevi.

Un piano per rispondere ai bisogni locali e a ridurre le disparità sociali

Sempre nell’ambito della sostenibilità sociale ed ambientale, risale al 2000 anche il piano Solidarité et Renouvellement Urbain (SRU), dal quale derivarono una serie di strategie e strumenti operativi. Nel complesso, questo piano d’azione si muove sui seguenti principi: apertura internazionale e accessibilità (appunto, potenziamento della rete infrastrutturale su scala europea e metropolitana), qualità urbana, conservazione e valorizzazione dell’ambiente, uno sviluppo economico più equilibrato nel rapporto tra settore industriale e settore terziario, e infine solidarietà, intesa come elemento indispensabile di una rigenerazione urbana utile a rispondere ai bisogni locali e a ridurre le disparità sociali. Viene dato molto peso alla partecipazione dei soggetti interessati, alla diffusione delle good practice indicate e alla cooperazione transnazionale, così come al rinnovo e allo sviluppo degli spazi e dei servizi pubblici e delle strutture educative, culturali e sociali.

Euralille II

In linea con le trasformazioni che aveva già iniziato ad attuare negli anni precedenti, Lille ha quindi continuato a porsi come modello per le analisi condotte da diversi enti in diversi paesi europei. L’avvio di un vasto processo di rigenerazione urbana che ha portato a interventi come la riqualificazione di Roubaix o il progetto Euralille II sono per esempio tra i più popolari oggetti di studio. I progetti di rigenerazione riguardano comunque ogni settore, come Eurasanté per la sanità e le biotecnologie. Nel dicembre 2013 è stata inaugurata la “Maison de l’habitat durable” (“casa dell’abitare sostenibile”), per sensibilizzare all’edilizia sostenibile e quindi all’uso di tecniche e materiali ecocompatibili. Sempre nel contesto della promozione di un’economia responsabile e della diffusione di best practice aziendali, si svolge annualmente a Lille il “World Forum for Responsible Economy”. Tandem Plus, con sede a Lille, si occupa di coordinare il progetto europeo ACROSS per la valutazione delle competenze trasversali nei green jobs. Il Lille Grand Palais ospita regolarmente fiere a tema, come il Salon Natura Bio, Environord, Construire Naturel.

Lille: un comitato per favorire l’inclusione della cittadinanza

Parallelamente alle istituzioni ufficiali e pubbliche, è stato creato un sistema basato sulla partecipazione della cittadinanza e dei rappresentanti del mondo culturale ed economico, operanti tramite nuovi organismi e comitati. Tra questi, la cosiddetta “Lille Métropole” è uno dei più importanti. Da notare che questo comitato è la naturale evoluzione del Communauté Urbaine, nato nel 1967: ciò dimostra che l’interesse crescente per la solidarietà e la sostenibilità e le conseguenti trasformazioni realizzate, accentuatesi negli ultimi anni, sono perfettamente in linea con le caratteristiche insite e la sua identità di città internazionale. Importante centro culturale, rappresenta uno dei principali poli universitari della Francia e vanta pregevoli musei e un ricco, eclettico patrimonio artistico e architettonico. Lille è stata candidata ai giochi olimpici del 2004 e, nello stesso anno, capitale della cultura europea, insieme a Genova. Molti gli eventi organizzati – alcuni su base regolare o ricorrente, altri in forma occasionale, come il Campionato europeo su pista o il PokerStars Festival Lille di quest’estate. I più caratterizzati e conosciuti sono comunque la Braderie de Lille (il mercato delle pulci più grande d’Europa), il Lille Comics Festival, l’European Film Festival e il favoloso Lille3000.

Condividi l'articolo
La discussione è regolata dalle seguenti Policy