Abbiamo già parlato altre volte della tecnologia blockchain, dei Bitcoin e di come questo nuovo sistema finanziario potrebbe essere impiegato in modo intelligente per finanziare dei progetti green. Va però sottolineato che il Bitcoin non è l’unica criptovaluta che si poggia su quella futuristica struttura che è la blockchain. Ci sono infatti tante altre piattaforme che si stanno facendo spazio ai suoi fianchi, e la più famosa è probabilmente quella dell’Ethereum, non a caso considerata da tutti come l’alternativa più valida al Bitcoin. Anch’essa utilizza gli smart contract, ma è stata pensata fin da subito come strumento per le transazione tra le imprese, e tale caratteristica è la prima di tante che fanno di questa tecnologia ledger – ovvero di registro – la migliore tra le criptovalute per finanziare dei progetti green. Anonimato, velocità di scambio, sicurezza, e nessun intermediario: queste sono le altre qualità chiave di Ethereum, piattaforma che in effetti, potenzialmente, potrebbe essere utilizzata per qualsiasi cosa. Non solo transazioni economiche, ma anche certificati di nascita e di morte, titoli, di proprietà, diplomi, procedure mediche, reclami, voti di esami, certificazioni alimentari, e qualsiasi altra cosa di valore che possa essere tradotta in codice.

La piattaforma We Power

Di fronte a queste enormi possibilità, c’è stato per l’appunto qualcuno che ha voluto sfruttare le potenzialità di Ethereum per finanziare dei progetti green. Parliamo di We Power, una piattaforma di trading di energia sostenibile che si fonda proprio su questo immenso registro virtuale. Il motivo fondante è uno e unico: quelli di We Power partono infatti dal fatto che finanziare dei progetti green è nella maggior parte dei casi difficoltoso, in quanto molto spesso si parla di progetti estremamente piccoli e decentralizzati. Tutto però potrebbe cambiare grazie ai smart contract token di We Power Ethereum.

Un token, un kWh

Come è noto, non si può associare nulla a Bitcoin per ‘fermare’ in qualche modo il suo valore. Con We Power la faccenda è diversa, in quanto ogni token rappresenta 1 kWh di energia. Ma come funziona tutto questo? Come spiegato all’inizio, non ci sono intermediari: i produttori di energia, per raccogliere fondi, mettono in prevendita la loro produzione attraverso token e, una volta che questi sono stati comprati dagli acquirenti, usano i fondi per produrre effettivamente l’energia venduta in anticipo al di sotto dei prezzi di mercato. L’impianto energetico, dunque, viene collegato a doppio filo con la piattaforma: quando l’energia viene effettivamente prodotta, infatti, gli investitori possono ricevere la propria liquidazione.

finanziare dei progetti green

Finanziare dei progetti green attraverso la blockchain

Alla chiamata delle imprese energetiche green, attraverso il sistema di We Power, possono dunque rispondere sia i consumatori che gli investitori desiderosi di finanziare dei progetti green. Grazie a questa innovativa forma di crittografia energetica, dunque, i finanziamenti non provengono più unicamente da investitori locali, quanto invece da un ampio gruppo di possibili investitori a livello globale. Gli effetti benefici possibili sono molteplici: da una parte aumenteranno gli investitori potenziali, e dall’altra i costi dei finanziamenti diminuiranno, con il venire meno degli intermediari.
Si apre dunque una nuova possibilità nel campo degli investimenti volti alla sostenibilità: si parla infatti di finanziare dei progetti green con un semplice click, portando così parallelamente ad un risultato tangibile e positivo per l’intero Pianeta, ovvero alla produzione di energia sostenibile. Il tutto è reso veloce e sicuro grazie agli smart contract della blockchain. E c’è di più: per mezzo di questa piattaforma è possibile scegliere anche quale tipo di energia finanziare (eolica, fotovoltaica, eccetera) per poi ricevere un certificato di sostenibilità, che specificherà quanta anidride carbonica è stata evitata grazie al proprio investimento.

 

Condividi l'articolo
La discussione è regolata dalle seguenti Policy