IL CLIENTE DIVENTA SOCIO. Da tempo in Germania, grazie a Greenpeace Energy, esiste una cooperativa composta da circa 110 mila clienti, nata per vendere e acquistare energia elettrica proveniente da fonti rinnovabili. Oggi in Italia prende il via “è nostra Energia Condivisa”, un’iniziativa nata grazie al programma europeo REScoop che finanzia i progetti che si impegnano nella diffusione delle rinnovabili. Come nel caso tedesco i clienti diventano a tutti gli effetti degli azionisti di una cooperativa, comprando a 150 euro 5 azioni. Questo progetto è il primo nel nostro paese a mettere al centro del sistema di approvvigionamento il cliente, che assume il ruolo di socio e diventa parte dell’intero processo della compravendita di energia.

PIÙ SOCI MENO COSTI. L’attivazione di “è nostra”, presentata durante una conferenza stampa in Senato, è prevista da giugno/luglio 2015 con l’arrivo delle prime bollette. Per quanto riguarda gli importi delle fatture, al momento non sono ancora prevedibili poiché tutto dipenderà dal numero di adesioni raggiunte, tuttavia i prezzi non oltrepasseranno quelli del normale mercato. Infatti più elevato è il numero di cittadini che aderiranno al progetto, maggiore è la possibilità di acquistare energia a costi bassi da fonti rinnovabili. Il senso di una cooperativa come “è nostra”, sottolineano i fondatori, è anche politico poiché il cliente/socio per la prima volta viene chiamato a scegliere quali sono i modi a suo parere migliori per rifornirsi di elettricità.

Condividi l'articolo
La discussione è regolata dalle seguenti Policy