L’edizione 2017 del Seeds&ChipsThe Global Food Innovation Summit, si è conclusa giovedì 11 maggio con la consegna dei Seeds&Chips 2017 Awards, i premi conferiti alle startup più innovative a livello globale nel settore food e ag tech. Al termine della cerimonia, l’ideatore di Seeds&Chips, Marco Gualtieri, ha fatto un bilancio dell’edizione appena conclusa, che ha visto la straordinaria partecipazione dell’ex presidente USA Barack Obama, e ha annunciato il primo dei grandi ospiti della prossima edizione 2018: l’ex Segretario di Stato degli Stati Uniti, nonché candidato alla Presidenziali del 2004, John Kerry.

 Seeds&Chips

Leggi anche: BIODIVERSITÀ, L’ALTERNATIVA AI PESTICIDI IN AGRICOLTURA

Seeds&Chips 2017: Italia Capitale mondiale del food

L’edizione 2017 di Seeds&Chips ha visto la partecipazione di oltre 200 speakers internazionali, investitori, policy maker e startup da tutto il mondo, dall’Italia a Israele, passando per gli Stati Uniti, la Giordania e l’Iraq.

“Questa straordinaria edizione di Seeds&Chips, e la partecipazione di Barack Obama, hanno confermato Milano e l’Italia come capitale e punto di riferimento mondiale del food, ma anche come laboratorio per trovare le soluzioni alle grandi sfide globali, dalla produzione alla nutrizione, dall’uso sostenibile delle risorse ai cambiamenti climatici”, ha commentato Marco Gualtieri, fondatore di Seeds&Chips che ha poi proseguito: “Oggi più che mai esistono strumenti e competenze tecnologiche, soprattutto tra le nuove generazioni, per permetterci di affrontare e superare queste sfide. È nostro compito investire e supportare i giovani e l’innovazione, in particolare in un settore chiave come quello del cibo, per garantire un miglioramento della nostra vita e di quella dell’intero pianeta. Il Presidente Obama mi ha personalmente chiesto di collaborare sui temi dei giovani, del cibo e dell’innovazione. Una grande opportunità per Milano e per il nostro Paese e un impegno per la prossima edizione di Seeds&Chips, che vedrà un grande keynote speaker ogni giorno: il primo confermato è l’ex Segretario di Stato americano John Kerry”.

 Seeds&Chips

Leggi anche: AGTECH E CAMBIAMENTI CLIMATICI: COME LA TECNOLOGIA PUÒ AIUTARE L’AGRICOLTURA

Seeds&Chips Awards… and the winner is…

Si tratta di tredici premi conferiti ad altrettante categorie. Tra i vincitori, progetti italiani e internazionali che rappresentano il meglio dell’innovazione odierna nel food.  I premiati sono stati selezionati da una giuria composta da membri di Seeds&Chips, dalle aziende e dal CNR come consulente scientifico.

Tra gli innovatori e vincitori che secondo la nostra redazione vale la pena ricordare e di cui, magari, vi parleremo più nel dettaglio nelle prossime settimane, la svizzera Flatev vincitrice del premio Future Food Award. Flatev Artisanal Bakery e Flatev Dough sono sistemi di cottura personalizzati (PBS). Il sistema di cottura chiuso provvede alla preparazione di singole porzioni di tortillas fresche, rotis, flatbreads, biscotti e molto altro. Il consumatore deve solo aprire un contenitore di pasta monouso riciclabile nella Flatev Artisanal Bakery, selezionare le impostazioni desiderate e godere di una deliziosa e fresca delizia in pochi secondi.

Leggi anche: AGRICOLTURA DEL FUTURO E MITI, LA RICERCA DI DAVID R. MONTGOMERY

Una serra domestica e intelligente

Il premio Best Vertical Farming Innovation vinto dall’italiana Robonica. Si tratta di Linfa, la serra domestica intelligente dal bellissimo design che può incidere fortemente sulle abitudini delle persone. Permette infatti di far crescere ogni tipo di vegetale, come erbe aromatiche, peperoncino o insalata, pronti da mangiare in soli 5 giorni. Linfa è un sistema di coltura idroponica che prevede l’illuminazione a luce LED in sostituzione della luce naturale, dove il micro ambiente ricreato è totalmente controllato.

Leggi anche: FRUTTICOLTURA E CAMBIAMENTI CLIMATICI: QUELLE COLTIVAZIONI A MILLE METRI

Soluzione per il settore agricolo

Infine il premio farming of tomorrow è stato vinto dalla greca Agrologies. I prodotti e servizi di Agrologies offrono soluzioni per il settore agricolo. Agrologies ha sviluppato una piattaforma di irrigazione automatica che combina un dispositivo basato sull’Internet of Things, il Cloud e una app per consentire agli agricoltori di pianificare l’irrigazione delle loro colture a seconda delle condizioni meteorologiche.

Siamo il paese del food e dell’agricoltura; è quindi inevitabile che le innovazioni in questi due ambiti vedano l’Italia nel ruolo di leader. Non è un caso che nel giro di poche settimane ci si sia ritrovati a vedere sale congressi e teatri completamente esauriti per la presentazione di startup realizzate da innovatori con la voglia di fare, cambiare e stravolgere le regole della catena alimentare.

Condividi l'articolo
La discussione è regolata dalle seguenti Policy