Mercoledì 19 aprile alla Fiera di Milano – Rho ha preso il via la prima edizione di Tempo di Libri, la nuova Fiera dell’editoria italiana che con il suo inizio ha finalmente sancito la fine delle polemiche con la città di Torino e il rispettivo Salone del Libro. Tempo di libri è una manifestazione di La Fabbrica del Libro; promossa da AIE – Associazione Italiana Editori e Fiera Milano; sotto gli auspici del Centro per il libro e la lettura; in collaborazione con Regione Lombardia, Comune di Milano, ALI – Associazione Librai Italiani e AIB – Associazione Italiana Biblioteche; con il patrocinio di MIBACT – Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.

Una vena verde tra i padiglioni

Leggendo con attenzione il programma della Fiera è possibile riconoscere immediatamente una certa attenzione verso le tematiche green e la sostenibilità ambientale. Da presentazioni di libri a iniziative esterne fino eventi “a tema” per celebrare la giornata mondiale della terra.

Tempo di… Earth Day

Dal 1970 le Nazioni Unite celebrano l’Earth Day, per sottolineare la necessità della conservazione delle risorse naturali del nostro Pianeta: la giornata prescelta è il 22 aprile, un mese e due giorni dopo l’equinozio di primavera, e ogni anno coinvolge fino a un miliardo di persone in ben 192 paesi del mondo. Questo straordinario risultato è considerato da molti la prova della nascita di una vera e propria “Green Generation”, che guarda a un futuro emancipato dalla dipendenza da combustibili fossili e predilige di fonti rinnovabili di energia, che coltiva la responsabilizzazione individuale verso un consumo sostenibile ed è impegnata nello sviluppo di una green economy come pure di un sistema educativo ispirato alle tematiche ambientali.
Tempo di Libri vuole raccontare e diffondere anche questa storia, fatta di tematiche cruciali e foriere di scenari che riguardano tutta l’umanità: per questo, in preparazione della Giornata, il 21 aprile sono in programma tre appuntamenti da non perdere.

Tempo di libri

La scienza a fumetti

Alle 10.30 per la A di Avventura, si racconta La scienza a fumetti. Dalle bioplastiche alla teoria dei grafi, Speciale Earth Day 2017 con Topolino Comic&Science: intervengono Roberto Gagnor (sceneggiatore disney), Marco Mazzarello (disegnatore), Roberto Natalini (matematico, CNR) e Alberto Saracco (matematico, Università degli Studi di Parma).

Il futuro nelle piante!

Alle 15.30 va invece in scena Contro l’antropocentrismo. Perché le piante sono il nostro futuro, con una lectio del neurobiologo vegetale Stefano Mancuso, introdotto da Chiara Valerio.

Tempo di libri e l’invasione vegana

Infine, alle 16.30, per la R di Rivoluzione ecco L’invasione dei vegani, con Martina Donati, Leonardo Caffo, Antonio Monaco e Luciano Proietti: una riflessione sui nuovi stili di alimentazione, fondati sui principi di responsabilità e sostenibilità. L’Earth Day è protagonista anche Fuori Tempo di Libri: Alpes Officina culturale propone giovedì 20 l’incontro La poesia è una questione di millimetri con Tiziano Fratus, Matteo Fantuzzi e Vincenzo Frungillo al Bezzecca Lab e, sabato 22, i Dialoghi e Cammini Urbani per la Giornata Mondiale della Terra, con Tiziano Fratus e Franco Michieli che, accompagnati da Roberto Mantovani, partono dai Giardini Indro Montanelli per alternarsi in un cammino urbano.

Tempo di libri
Vivere senza supermercato

Sempre il 22 aprile sarà presentato il libro edito da Terre di Mezzo dal titolo Vivere senza supermercato, di Elena Tioli. Code, imballaggi, prodotti inutili e dannosi per la salute e per l’ambiente, filiera lunga, inquinamento e sfruttamento, bisogni indotti da pubblicità, lunghe attese per trovare parcheggio, per scegliere, per pagare: questo è il supermercato. E chi pensa che rinunciarvi sia difficile, inutile o addirittura impossibile, dovrà ricredersi. Vivere senza supermercato non solo è possibile ma è addirittura facile e piacevole: parola di chi lo ha fatto.
Entrare in relazione con i produttori, scoprire la provenienza e l’origine delle merci, informarsi sulle conseguenze, personali e globali, di ciò che si acquista e si consuma: vivere senza supermercato significa tutto questo e molto altro ancora. Significa fare una spesa ecologica, consapevole e responsabile, dando un nuovo valore ai propri gesti e un peso diverso ai propri soldi. Significa cambiare stile di vita e modo di pensare. Vivere senza supermercato significa guadagnarci: in soldi, salute, relazioni e tempo. Una scelta alla portata di tutti.

Tempo di libri
Book in bike

Anche un gruppo di giovani che sta facendo l’esperienza di alternanza scuola-lavoro alla Cisl di Milano parteciperà a “Tempo di libri”. I ragazzi saranno impegnati nel progetto Book in Bike, ideato dalla giornalista Benedetta Cosmi, autrice della serie web “Quelli che il 2000”.
Nei giorni dell’evento una cinquantina di studenti, riconoscibili grazie a delle t-shirt personalizzate, affiancheranno i bibliotecari delle biblioteche milanesi, consegnando, in bicicletta, i libri a domicilio. Se richiesto recensiranno e leggeranno i volumi ad alta voce ad anziani e a tutti coloro che vorranno ascoltare. 
Uno scambio tra generazioni – spiega una nota dei promotori del progetto -, e una provocazione perché se una pizza va consegnata senza che il Pony Express possa nutrirsene, questo non vale per Book in Bike dove l’idea è proprio far assaggiare più libri possibili ai ragazzi: la cultura è l’unico bene che se condiviso, aumenta… Le nuove generazioni, in particolare i ragazzi cresciuti a cavallo tra i due secoli, hanno una particolare inclinazione nel creare relazioni tra le cose. Dicono: siamo dei link viventi. E’ così che è nata l’idea di ‘Libri in bici’. Oggi si sviluppa tutta un’altra etica della promozione culturale. Stanno così sorgendo, librerie a pedali, una maniera semplice e veloce per far arrivare la cultura alla gente direttamente in strada”.

Condividi l'articolo
La discussione è regolata dalle seguenti Policy