Ormai non si parla d’altro che di ecommerce. Abbiamo assistito qualche giorno fa al primo sciopero dei dipendenti di amazon e le discussioni su dove queste aziende dovrebbero pagare le tasse è sempre più insistente… Recentemente Forbes, in una lunga intervista che vi racconteremo, ha svelato l’esistenza di un’altra realtà che opera nell’ecommrce, anzi nell’ecommerce sostenibile e lo fa abbattendo tutti i rifiuti!

Dall’ecommerce sostenibile allo zero waste: la storia vincente di Thrive Market

Thrive Marke è una società di e-commerce con sede a Los Angeles, il suo focus è quello di vendere cibi sani ai clienti di tutta l’America e di farlo prezzi convenienti. Questa azienda sta letteralmente avvicinandosi al numero Zero… Zero rifiuti prodotti! Ma può un’azienda delle sue dimensioni e della sua natura, sbarazzarsi davvero di tutti i suoi rifiuti? È partendo da questa domanda che la giornalista di Forbes inizia il suo ragionamento su quello che da oggi possiamo chiamare ecommerce sostenibile.

ecommerce sostenibile

Ecommerce sostenibile a zero rifiuti

Il fondatore d Thrive Market Gunnar Lovelace, ha raccontato della costruzione di un business a rifiuti zero, in particolare di come sia possibile realizzarne uno che richiede spedizioni, materiali di imballaggio e magazzini per lo stoccaggio!
“È difficile trovare un’azienda senza una qualche forma di messaggistica di sostenibilità incisa sulle loro piattaforme o imballaggi”, ha affermato in una recente intervista ma “Sfortunatamente, il termine sostenibilità è stato cooptato da alcune delle più insidiose corporazioni del pianeta, e nonostante tutto il marketing parla di sostenibilità,   secondo l’EPA (l’ente americano per il controllo sull’ambiente ndr) oltre il 75% delle emissioni di gas serra di molti settori industriali statunitensi proviene ancora dalle catene di approvvigionamento “.

Thrive Market e l’ecommerce a zero rifiuti

Thrive Market ha deciso di ripensare le proprie catene di approvvigionamento e ha completato la sfida dello zero spreco in due dei suoi centri di evasione ordini. Che cosa significa per noi Spreco Zero? Si tratta certamente di un ottimo inizio, di un viaggio che stiamo intraprendendo per comprendere appieno il nostro impatto come azienda e spostare rapidamente le nostre pratiche per eliminare tutti quegli impatti considerati negativi. Ma vista la portata delle sfide che affrontiamo, la semplice eliminazione degli impatti negativi non è sufficiente. Abbiamo bisogno di progettare le imprese per avere un impatto positivo – per diventare rigenerativi.

ecommerce sostenibile

Le prime mosse per arrivare a un ecommerce sostenibile

Fin dall’inizio dai nostri clienti è sempre arrivata una profonda preoccupazione per l’impatto che il loro ordine poteva avere sull’ambiente, in particolare ragionando in termini di quantità di imballaggi per ogni singola spedizione. I nostri team hanno lavorato instancabilmente su questo fronte, riducendo la quantità di imballaggi in ogni scatola di quasi il 50%, migliorando l’efficienza e la formazione. Abbiamo anche rimosso quasi tutta la plastica vergine dal nostro imballaggio, in modo che possano essere lavorati attraverso i programmi di riciclaggio porta a porta – in più abbiamo aggiunto uno ziplock a tutta la plastica verde per incoraggiare i nostri membri a riutilizzare i loro bagagli. Inoltre, il 99% delle nostre confezioni è costituito da imballaggi riciclati al 100% post-consumo, persino il nastro che utilizziamo è fatto di carta in modo che possa essere processato attraverso flussi di riciclaggio.

Un processo naturale

Come attivista e ambientalista, mi sono occupato della responsabilità ambientale per tutta la mia vita, ed è stata per l’azienda un’area di interesse fondamentale da quando abbiamo avviato l’attività. Abbiamo fatto tutto il possibile per garantire che il 99% delle nostre confezioni fosse di carta riciclata e che tutta la nostra stampa utilizzasse coloranti vegetali e non sintetici. Abbiamo portato lo stesso livello di intenzione al nostro approvvigionamento di prodotti, lavorando solo con marchi che condividono i nostri valori e trasportano prodotti che non solo soddisfano, ma superano i nostri rigorosi standard ambientali ed etici.

Quando Forbes domanda a Lolvelace in che modo i rifiuti zero si traducono in un prodotto… lui risponde che…

Negli ultimi 24 mesi abbiamo anche commercializzato oltre 280 prodotti a marchio Thrive Market. Ciascuno dei nostri prodotti è stato creato in collaborazione con i produttori agricoli più innovativi di tutto il mondo. Quando abbiamo deciso di creare un brodo organico e nutriente, ad esempio, il nostro obiettivo era produrre un prodotto incredibile e allo stesso tempo lavorare per eliminare gli sprechi alimentari all’interno della nostra catena di approvvigionamento. Pensate a questo, il 30% dei delcibo che l’America spreca ogni anno proviene da carne, pollame e pesce.

ecommerce sostenibile

È questo il motivo per cui più aziende non guardano tali modelli? A causa del costo?

Sì, è costoso e difficile. Le catene di approvvigionamento istituzionali create dal capitalismo tradizionale, per loro stessa natura, favoriscono il costo più basso. Ma il costo più basso di fare affari è artificialmente poco costoso date tutte le esternalità negative non misurate. Qual è il vero costo di un gallone d’acqua pulito? È quasi impossibile attribuire un prezzo alla natura o quantificare il costo reale di un’unità di inquinamento, ma questi valori, anche in astratto, non sono attualmente applicati in modo efficace sul mercato.

Fossimo in America vi consiglieremo senza dubbio di provare il servizio… per ora non possiamo che studiare il “sistema” e pensare che un giorno lo avremo anche in Italia, magari.

Condividi l'articolo
La discussione è regolata dalle seguenti Policy