Cosa serve per invogliare le persone ad acquistare veicoli elettrici? Per convincerle cioè che quella è a scelta migliore che potrebbero fare per loro e per il mondo? Per facilitare l’adozione di veicoli elettrici , i consumatori devono sapere che ricaricare i propri mezzi è facile tanto quanto fare benzina (che sia gas o diesel poco importa) con una macchina “tradizionale”.

Una rete tra i produttori di veicoli elettrici

Sappiamo che aziende come Tesla hanno deciso di installare centinaia di stazioni di alimentazione in tutto il mondo: dagli Stati Uniti all’Australia passando per l’Europa e arrivando fino alla Cina. Ci sono poi produttori di auto come BMW, Ford e Volkswagen che si sono uniti per creare una rete di ricarica paneuropea denominata IONITY. Un rete che prevede l’installazione di 400 stazioni di ricarica tra Germania, Norvegia e Austria entro il 2020. In entrambi gli esempi riportati le stazioni sono posizionate su autostrade o all’interno di aree urbane per fornire un modo comodo e affidabile per i proprietari di veicoli elettrici di caricare e rimettersi in viaggio.

veicoli elettrici

In arrivo altre novità sull’asse Norvegia – Italia

Altre due aziende stanno per fare il loro ingresso nello scenario internazionale: si tratta di E.ON e del fornitore di e-mobility CLEVER. Le due realtà stanno collaborando per costruire un’altra rete di stazioni di ricarica. Nei prossimi tre anni, la loro rete fornirà 180 stazioni di ricarica “ultraveloce” in 7 paesi tra Norvegia e Italia. Ogni stazione ha una capacità di 150 kW, quasi alla pari delle stazioni Tesla da 145 kW, ma dietro la capacità di 350 kW di IONITY.
CLEVER non è l’unica azienda con cui E.ON ha collaborato; infatti, la loro partnership darà vita a 160 stazioni di ricarica su 180. Le ultime 20 arriveranno come parte di un accordo con la catena di stazioni di servizio norvegese YX. Il progetto, in base a quanto bene procederà, potrà ampliarsi e arrivare a 400 stazioni diffuse in tutta Europa.

Infrastrutture affidabili e ricariche ultraveloci

“Insieme a partner forti stiamo compiendo un passo in avanti verso la creazione di un’infrastruttura di ricarica ultraveloce in Europa”, ha dichiarato Frank Meyer, responsabile dell’innovazione e B2C presso E.ON, “La nostra idea è quella di offrire una rete di ricarica ultraveloce per facilitare l’adozione da parte del mercato di massa della mobilità elettrica.”

veicoli elettrici

Si inizia a sperimentare in Germania e Danimarca

L’iniziativa ha già ricevuto 10 milioni di euro di finanziamenti dalla Commissione europea. La prima serie di stazioni sarà situata in Germania e Danimarca, con ogni stazione che conterà 2-6 caricabatterie. Secondo E.ON, ciascun caricatore sarà in grado di caricare completamente una batteria per un’autonomia di 400 km in circa 20-30 minuti. Naturalmente si tratta solo una stima approssimativa e il tempo di ricarica effettivo varierà in base alla capacità della macchina e della batteria.
“Riteniamo che la possibilità di soddisfare quasi tutte le marche automobilistiche, garantire un posizionamento preciso e ragionato delle aree di sosta e offrire ai clienti delle soluzioni ben pensate convincerà le persone che i veicoli elettrici sono una vera alternativa alle auto convenzionali“. Lo ha dichiarato il CEO di CLEVER Casper Kirketerp-Møller.

veicoli elettrici

Una sfida (da vincere) per il futuro

Abbiamo davanti una delle sfide del futuro. Veicoli elettrici significano progresso, ma per vederli girare con regolarità nelle nostre strade hanno bisogno del fondamentale apporto logistico delle infrastrutture. Dare agli automobilisti gli strumenti (le strade, le aree di sosta, la compatibilità delle ricariche) è il primo passo per consentire loro di iniziare la rivoluzione delle auto elettriche.

Condividi l'articolo
La discussione è regolata dalle seguenti Policy