15,7% ABBANDONI IN MENO. Una buona notizia, anche se un po’ amara: quest’estate ci sono stati meno abbandoni di cani rispetto agli anni scorsi. Il servizio ‘Io lo segnalo’ dell’Associazione italiana difesa animali e ambiente (Aidaa) ha infatti ricevuto il 15,7% in meno di segnalazioni rispetto all’anno scorso. Un miglioramento, certo, in una situazione che resta in ogni caso terrificante: le segnalazioni sono state ‘soltanto’ 4.858.
Nel dettaglio, durante la prima metà di agosto si è registrato un calo del 30%, calcolando però che 1.705 casi erano stati segnalati già in luglio. Come specifica l’Aidaa «si tratta comunque di un dato positivo». Come per la scorsa estate, la regione dalla quale sono state inviate più segnalazioni di cani vaganti è la Puglia, con 574 casi, seguita dalla Sicilia (459), dalla Campania (358) e dal Lazio (297).

L’ABBANDONO È REATO. Da sempre la stagione estiva fa impennare la triste abitudine di abbandonare i cani. Del resto è facile cedere all’entusiasmo del momento e portare a casa un cane, per poi accorgersi che, oltre ad essere un cucciolo bellissimo, richiede cura, affetto e tempo. Da questa leggerezza iniziale nascono però mille piccole tragedie, alla fine delle quali quello che poteva essere un amico a quattro zampe viene talvolta messo alla porta e abbandonato ad una triste sorte. Questo succede soprattutto in estate, accompagnato da un altro picco che si registra solitamente all’inizio delle stagioni venatorie, quando moltissimi cani vengono abbandonati da cacciatori delusi dal fiuto dei propri bracchi.
L’unica cosa che possiamo fare per frenare questo orribile comportamento è quello di segnalare ogni caso di cui veniamo a conoscenza: l‘abbandono è un reato fin dal 2004, punibile con l’arresto o con il pagamento di una multa fino a 10 mila euro.

(Visited 34 times, 1 visits today)
Condividi l'articolo
La discussione è regolata dalle seguenti Policy