SPAZI PIÙ AMPI IN CUI VIVERE. Il Panda è sempre stato il simbolo del WWF proprio perché da molti anni è uno degli animali più a rischio di estinzione del pianeta. A quanto pare, forse, le cose stanno cambiando anche se non si può ancora dire che il pericolo sia passato. Dagli ultimi rilevamenti, infatti, il dato sulla diminuzione di esemplari pare in controtendenza poiché, secondo la ricerca del governo cinese intitolata “Fourth National Giant Panda”, il numero dei panda giganti selvatici è attualmente in crescita. Il calcolo è stato fatto nelle province del Sichuan, dello Shaanxi e del Gansu a partire dal 2003, riscontrando un aumento della popolazione del 16%. Uno dei fattori principali che ha permesso un tale cambiamento, è la decisione presa dal governo di estendere l’area geografica a loro destinata fino a 2.577.000 ettari, fattore che ha favorito negli ultimi dieci anni la nascita di 268 nuovi esemplari, facendo arrivare la popolazione mondiale a quota 1864 individui.

NUOVE MINACCE E SOLUZIONI. La maggior parte dei panda giganti, ossia 1246 esemplari, vive attualmente in riserve naturali. Ciò significa che il 66,8% è tutelato, mentre il restante 33,2% non è protetto, anche se il bracconaggio, forse grazie proprio alla massiccia campagna di sensibilizzazione mondiale, è nettamente diminuito. Tuttavia altri potrebbero essere i pericoli per i panda, come per esempio il turismo di massa o la ricerca invasiva di fonti energetiche. Per questo il WWF non si ferma a un risultato positivo, e ha un piano per migliorare le condizioni di vita di questi animali per i prossimi anni, grazie alla collaborazione con il governo cinese. Ciò ha portato alla creazione sia di nuove riserve naturali, sia di corridoi di bambù dove i panda possono trovare cibo e altri esemplari con cui accoppiarsi.

(Visited 132 times, 1 visits today)
Condividi l'articolo
La discussione è regolata dalle seguenti Policy