uffici verdi
Interni

Uffici verdi, il coworking di Lisbona popolato di piante

SecondHome Lisboa è uno degli uffici più verdi del mondo con 100 piante che separano le postazioni lavorative, purificando l’aria e infondendo benessere

Il verde, si sa, è uno dei migliori alleati del benessere psico-fisico. Piante e fiori non soltanto riducono la concentrazione di CO2 aiutando a purificare l’aria che respiriamo ma hanno anche un effetto benefico dal punto di vista mentale. Negli ultimi anni sono stati pubblicati diversi studi che certificano la correlazione fra un ambiente ricco di vegetazione e la riduzione di disturbi ansiogeni, depressivi e degli impulsi aggressivi. E non è tutto qui: il verde aumenta anche la capacità di concentrazione e quindi la produttività. Motivo per cui negli uffici pieni di piante si lavora meglio e di più.

L’ufficio più verde di Lisbona

Non è un caso quindi che in alcuni progetti innovativi si riscontri la tendenza a disegnare luoghi di lavoro dove la vegetazione ha un ruolo principale. Ne è un esempio lo spazio di co-working che è stato inaugurato da poco a Lisbona, all’interno del Mercado da Ribeira, il più antico mercato alimentare della città portoghese. Un ufficio colorato, inondato di luce, popolato da piante, alberi e fiori dove, soltanto a guardarlo viene voglia di lavorarci e di passarci l’intera giornata.

SecondHome, un nuovo concept per il coworking

È proprio questa l’idea alla base dei progetti SecondHome realizzati dallo studio architettonico spagnolo SelgasCano, quello di ricreare degli ambienti di lavoro confortevoli e accoglienti dove le persone possano sentirsi ‘a casa’. Gli architetti Lucia Cano e José Selgas avevano già dato prova della loro intuizione progettuale con lo spazio di co-working realizzato in un’ex fabbrica di tappeti nel quartiere londinese di Shoreditch, trasformata in un ufficio strabiliante, con moderne pareti in acrilico trasparente, un migliaio di piante, oltre a una serie di soluzioni di design per migliorare la qualità della vita degli occupanti.

Ora ci hanno riprovato in una location d’eccezione che è stata recuperata preservandone l’originale struttura in ferro battuto con la copertura caratterizzata da travi e capriate a vista, che è stata rivisitata in chiave moderna e con l’obiettivo di creare un ambiente con un elevato livello di comfort.

1000 piante per separare le postazioni lavorative

Al centro del grande open space è stato collocato un immenso tavolo sociale lungo ben 70 metri e dalla forma sinuosa, dove sono state realizzate delle postazioni lavorative dove viene garantita la privacy ma al tempo stesso vi è la sensazione di essere inseriti all’interno di una comunità. A delineare gli spazi sono appunto le piante. Ve ne sono più di 1000 in tutto l’ufficio, rendendo lo spazio simile a una serra. Il verde, oltre a fungere da separatore delle postazioni e a creare un ambiente accogliente e rilassato, contribuisce a ridurre la concentrazione delle emissioni nocive e polveri sottili, migliorando la qualità dell’aria e funziona anche come isolante acustico naturale. Un mix che infonde un senso di benessere, favorisce la concentrazione e aumenta la produttività degli occupanti.

Uffici verdi: illuminazione a led personalizzata

Sempre sul fronte del comfort, gli architetti, invece dei tradizionali sistemi di climatizzazione, hanno optato per un avanzato sistema di riscaldamento e raffreddamento radiante, che sfrutta la ventilazione trasversale. Una soluzione che consente inoltre di eliminare gli ingombranti impianti idraulici, dando ulteriore risalto alla struttura esistente.

Per quanto riguarda l’illuminazione si è preferito prediligere dei punti luce di design a led che, a differenza dei classici sistemi in linea a soffitto, consentono una regolazione personalizzata della luce in base alle esigenze, oltre a dare agli spazi una maggiore identità.

Non solo lavoro…

La SecondHome Lisboa si sviluppa su una superficie complessiva di circa 1100 mq dove non ci sono soltanto postazioni lavorative. Lo spazio è stato diviso in due: da un lato l’openspace di co-working, dall’altro una serie di spazi riservati al relax e allo svago. Troviamo una biblioteca, alcune aree conferenze, un bar, un’area benessere, una cineteca e addirittura un club dove fanno, a partire da una certa ora, musica dal vivo.