Qualche tempo fa vi abbiamo raccontato di una virtuosa iniziativa che si svolge nella provincia di Rieti e che unisce due mondi apparentemente molto distanti come la moda e la sostenibilità ambientaleNon è la prima volta che questi due mondi tentano di fondersi per dare vita a un consapevole collocamento sul mercato dei prodotti vestiari. Perché se ultimamente va per la maggiore dichiarare la necessità di voler conoscere ciò che si mangia al tempo stesso è anche fondamentale sapere se ciò che si sta indossando è composto da tessuti sostenibili.

Tessuti sostenibili: abbandonare cotone e poliestere

Questa storia parla di una rivoluzionaria startup tedesca che si chiama Wijld e del modo con cui sta contribuendo a stravolgere il settore del tessile, realizzando un’innovativa serie di t-shirt prodotto con del materiale davvero particolare. Le t-shirt che indossiamo solitamente sono realizzate con tessuti sostenibili? La risposta è no perché sono fatte con cotone o poliestere. Il poliestere da una parte, si sa, è un derivato del petrolio, una risorsa limitata e la cui lavorazione comporta il rilascio di emissioni nocive, dall’altra anche il cotone non rappresenta un materiale virtuoso. Infatti  la sua coltivazione significa dove fare i conti con enormi impatti ecologici: dal consumo di acqua (fino a 20.000 litri per un chilo di raccolto, che serve poi a produrre una sola t-shirt o un paio di jeans), fino all’uso inevitabile di fertilizzanti, diserbanti e pesticidi.

Tessuti sostenibili

Per fare una maglia ci vuole un albero…

Per porre fine a questo scenario la startup tedesca Wijld (si pronuncia come l’inglese Wild ndr) ha escogitato una alternativa. È possibile infatti creare delle t-shirt con dei tessuti sostenibili, partendo da una risorsa rinnovabile conosciuta e del tutto inaspettata: il legno.
Si tratta delle  WoodShirts, dei capi che hanno molti vantaggi rispetto al cotone o ad altre fibre sintetiche o artificiali: oltre ad essere antibatterica e traspirante, hanno anche proprietà termiche in inverno (indovinate? Proprio come il legno!) e secondo i produttori, sono anche più morbide al contatto con la pelle.
Ma il più grande vantaggio di WoodShirts è sicuramente rappresentato dai processi di produzione sensibilmente più sostenibili rispetto agli altri tessuti di cui abbiamo parlato.

Dal bosco alla manodopera, tutto equo e certificato

“Utilizziamo coloranti rispettosi dell’ambiente e acqua venti volte meno rispetto al cotone. Il legno viene trasformato in ‘lana di legno’ in Austria, e poi viene filato in Portogallo. In entrambi i paesi i lavoratori ricevono salari equi”.

Sono le dichiarazioni di Tim Beelow, uno dei co-fondatori di WoodShirt.  Il legno che usano proviene prevalentemente da foreste europee certificate FSC o PEFC. Queste certificazioni garantiscono che i boschi sono gestiti secondo determinati standard ecologici e sociali.

Tessuti sostenibili

Dal legno al guardaroba

L’idea di realizzare tessuti sostenibili partendo dal legno non è in realtà una novità. Il processo è stato scoperto già nel 19esimo secolo e funziona pressapoco così: prima il legno è tagliuzzato in piccoli pezzi e poi messo a bagno in acqua per liberare la polpa. La polpa viene poi mescolata con acqua e solventi naturali e riscaldato sotto vuoto per eliminare l’acqua. A seguire il processo di setacciatura e la pressione con cui restano soltanto le fibre che possono essere lavorate per formare il tessuto.

Nel negozio online è possibile effettuare un ordine con pochissimi clic e per ogni ordine ricevuto la startup pianterà un albero. Si può scegliere ovviamente di che colore e stile si desidera la maglietta oltre che altri tipi di personalizzazione che consentono ai clienti di sentirsi parte integrante del processo creativo del capo. L’obiettivo è quello di far durare di più la maglietta, non lasciandola ammuffire in un armadio dopo una sola stagione. Non deve durare come una quercia, ma insomma… non sarebbe male.

Condividi l'articolo
La discussione è regolata dalle seguenti Policy