Falla biologica del cibo spazzatura

Secondo un articolo apparso sul New Yorker l’attrazione irresistibile che molti provano verso il cibo spazzatura sarebbe il risultato della naturale evoluzione umana. I ricercatori che hanno analizzato il fenomeno, partendo dalla considerazione che nei millenni l’uomo ha sviluppato un sistema naturale per contrastare i periodi di scarsità di cibo, diventando per natura attratto dai cibi grassi dunque più nutrienti. Il problema però è che oggi non viviamo più in una situazione di scarsità di nutrimenti, e contemporaneamente non è trascorso un sufficiente tempo evolutivo per far sì che il cervello si abitui alla costante disponibilità di zuccheri e grassi, andando in contro a una sorta di falla biologica. Questo è il motivo per cui si prediligono i cibi sostanziosi, e di conseguenza i pasti e i cibi pronti che si trovano nei fast food. Quando mangiamo un hamburger, gli zuccheri si liberano nel sangue e il cervello rilascia una sostanza chimica chiamata dopamina che produce la sensazione di piacere.

L’attrazione del cibo spazzatura e l’economia dell’obesità

Secondo Nora Volkow, direttrice dell’Istituto Nazionale sull’Abuso di Droga degli Stati Uniti: «A livelli molto alti, zuccheri e sale nel cibo posso dare dipendenza, inducendoci a bramarli proprio come se si trattasse di droga. I dati lo dimostrano in maniera schiacciante, abbiamo trovato tremende sovrapposizioni tra le aree del cervello relative alla dipendenza dalla droga e quelle che regolano il desiderio di cibo». La conseguenza è che è lo stesso sistema economico a incentivare questo processo mettendo sul mercato cibi dannosi a prezzi molto più economici rispetto a quelli che invece farebbero bene. «Il primo problema con il cibo negli Stati Uniti è che è largamente sovraprodotto, ma il più grande problema nutrizionale è l’obesità», afferma Marion Nestle del Dipartimento di Nutrizione, Food Studies e Salute Pubblica della New York University. «Quando si combinano questioni biologiche con gli interessi economici che prevalgono oggi, si può capire come le persone amino i panini dei fast food. Sono quello che il nostro cervello preferisce. Ci vorranno molti più anni di quelli che ci separano dai nostri antenati cacciatori perché l’evoluzione cambi questa equazione».cibo-spazzatura

(Visited 856 times, 1 visits today)
Condividi l'articolo
La discussione è regolata dalle seguenti Policy