Benessere green

Beta-carotene: un alleato dalle tante proprietà benefiche. Come usarlo al meglio?

Il beta-carotene è una vitamina dalle tante proprietà benefiche e che proprio per questo viene sempre più utilizzato, conquistando un […]

Il beta-carotene è una vitamina dalle tante proprietà benefiche e che proprio per questo viene sempre più utilizzato, conquistando un ruolo di primo piano come alleato prezioso per il nostro organismo. Il beta-carotene è infatti in grado di contrastare i radicali liberi responsabili dell’invecchiamento cellulare, di stimolare la melanina e favorire l’abbronzatura proteggendo la pelle dai raggi solari, protegge l’apparato cardiovascolare e molto altro.

Che cos’è il beta-carotene?

Il beta-carotene è un “carotenoide”, ovvero un pigmento vegetale che può essere giallo, rosso o arancione ed è un precursore della vitamina A.

Per precursore si intende che si tratta di una sostanza vegetale che, se l’organismo lo necessita, si converte in vitamina A.

Dato che si tratta di una vitamina liposolubile, per essere assorbita dall’intestino e quindi risultare efficace per il benessere dell’organismo, deve essere associata ad alimenti come l’olio extravergine di oliva o altri oli e ad alimenti “oleosi” come la frutta secca, in particolare noci e mandorle. 

Quali sono gli alimenti più ricchi di beta-carotene?

Il beta-carotene è contenuto nelle verdure a foglia verde e in frutta e verdura di colore arancio, giallo e rosso.

Ne è molto ricca frutta come la pesca, il melone, l’albicocca, il mango e verdure come le carote, i peperoni, la zucca ma anche i piselli, gli spinaci e gli odori tipicamente mediterranei, cioè la salvia, il basilico e il prezzemolo.

Si trova in quantità leggermente minori anche nei funghi, nei cereali e negli oli.

L’alimento che però in assoluto contiene la concentrazione più alta di beta-carotene non sono le carote, come potrebbe far pensare il nome, bensì un’alga, ovvero la spirulina, che ne contiene sui 161 mg/100gr, una quantità nettamente superiore rispetto alle carote.

Quali sono le proprietà benefiche del beta-carotene utili per il nostro organismo?

Come anticipato, il beta-carotene è fondamentale per il benessere del nostro organismo e da un punto di vista nutrizionale. Prima di tutto è un potente antiossidante, ciò vuol dire che è in grado di rallentare l’invecchiamento cutaneo poiché rallenta l’insorgenza dei radicali liberi. È poi importante soprattutto per il benessere della pelle, dei capelli e delle ossa. Proprio per questo motivo un’assunzione quotidiana di beta-carotene è fondamentale sempre ma soprattutto nel periodo della crescita, per bambini e adolescenti.

Il potere benefico di questa vitamina non si esaurisce qui, essendo un antiossidante ha anche delle proprietà anticancro. Infatti, unendo le sue proprietà con altri carotenoidi vegetali contribuisce a rinforzare il sistema immunitario, tanto da minimizzare l’azione di agenti inquinanti, contrastando la comparsa di cancro chimico o virale.

Svolge pertanto un’azione preventiva formidabile, senza che avvenga la trasformazione in vitamina A, ed è efficace in particolare nel prevenire il cancro polmonare.

Quanto beta-carotene si dovrebbe assumere quotidianamente?

Una persona adulta dovrebbe assumere mediamente dai 2 ai 4 mg di betacarotene al dì.

Per essere sicuri di assumere una quantità sufficiente di beta-carotene basta seguire le raccomandazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità che consiglia di assumere cinque porzioni al giorno tra frutta e verdura,

Consumando almeno cinque porzioni viene garantita la trasformazione del beta-carotene in vitamina A, con effetti benefici, come abbiamo visto, sulla crescita di ossa, sul benessere della pelle e anche sulla vista.

C’è da aggiungere che il beta-carotene diventa pià efficace se assunto insieme ad altre vitamine, in particolare la vitamina E, la vitamina C e lo Zinco, ecco perché spesso si trovano insieme negli integratori alimentari pensati per rafforzare le difese immunitarie.

Cosa succede se non si assume abbastanza beta-carotene o se, al contrario, se ne assume troppo?

La carenza di beta-carotene fortunatamente non comporta problemi di salute, a meno che non sia associata ad una grave carenza di vitamina A, la quale potrebbe causare dei problemi alla vista, come ad esempio la possibilità di contrarre, con più frequenza rispetto al resto della popolazione, delle infezioni.

L’eccesso di beta-carotene solitamente si verifica in casi particolari, con conseguenze diverse.

Un surplus di beta-carotene può verificarsi nei fumatori; questa eccedenza in alcuni casi può portare ad aumentare le probabilità di insorgenza del cancro polmonare.

Un altro caso completamente diverso è rappresentato dalle donne in gravidanza o in fase di allattamento, anche in questo caso è importante tenere sotto controllo l’assunzione di beta-carotene rispettando una dieta adeguata alle circostanze.

In generale invece, l’assunzione eccessiva di beta-carotene può provocare delle alterazioni nel colore della pelle, alterazioni che scompaiono semplicemente diminuendo le dosi di beta-carotene senza che vi siano complicazioni o la comparsa di disturbi rilevanti.

Grazie alle sue proprietà antiossidanti in grado di migliorare l’aspetto e la salute della pelle, il beta-carotene è usato spesso anche in ambito cosmetico.

Si può trovare facilmente come ingrediente nelle creme, in particolare nelle creme solari e nelle creme viso, in quanto è in grado di diminuire la sensibilità della pelle all’esposizione dei raggi solari uva e uvb e ridurre quindi i rischi correlati, è inoltre un ingrediente prezioso in quanto intensifica l’abbronzatura e fa sì che duri di più.