Di Caprio miglior attore protagonista

Ebbene, dopo sei nomination finalmente Leonardo Di Caprio ha vinto l’Oscar come miglior attore protagonista, grazie alla sua entusiasmante interpretazione nel film The Revenant, del regista messicano Alejandro Gonzalez Iñárritu. Diciamo ‘finalmente’ perché la mancata vittoria dell’Oscar da parte dell’attore statunitense era divenuta ormai proverbiale, con migliaia di meme creati in rete proprio per prendersi innocuamente gioco della sua ‘sfortuna’ agli appuntamenti annuali con gli Academy Awards. Ma ormai gli scherzi sono storia del passato, e a zittire tutti è arrivato anche il suo discorso per la premiazione, diverso da quelli tenuti da tutti gli altri premiati. Oltre ai ringraziamenti di rito, Leonardo Di Caprio ha infatti voluto parlare davanti a tutto il mondo dell’emergenza climatica, tematica molto cara all’attore, il quale fra le altre cose è anche proprietario di una fondazione che lotta per la salvaguardia dell’ambiente. Ed è dunque grazie all’attore 41enne che, nell’evento più importante dell’anno per quanto riguarda l’industria cinematografica, si è finiti per parlare della minaccia del riscaldamento globale.

Basta rimandare

The Revenant, il film che ha portato Di Caprio a vincere l’ambita statuetta, narra soprattutto del rapporto che intercorre tra l’uomo e la natura, la stessa natura che le azioni umane hanno portato sull’orlo del collasso. E l’attore è partito proprio dalla storia di questa pellicola per spiegare la gravità dell’emergenza climatica: «sappiamo tutti che il 2015 è stato l’anno più caldo della storia, e per girare The Revenant ci siamo dovuti spostare fino al polo solo per trovare della neve». Già a questo punto tutti gli spettatori hanno potuto capire che il discorso di Leonardo DiCaprio sarebbe stato diverso da quelli precedenti. «Il cambiamento climatico è una realtà, e sta accadendo adesso; è la minaccia più urgente per tutta la nostra specie, e dobbiamo lavorare insieme, smettendola di rimandare all’infinito».

L’appello ai leader mondiali

Ma le parole spese per la causa ambientale non sono state un generico discorso etico. Attraverso una narrazione parallela a quella cinematografica l’attore ha voluto risvegliare la coscienza ambientale di ogni singolo cittadino, per non parlare delle autorità competenti: «dobbiamo sostenere i leader di tutto il mondo che non si rivolgono ai grandi inquinatori o alle grandi società produttive, ma che parlano per l’umanità nel suo insieme, per le popolazioni indigene e per i miliardi e miliardi di persone svantaggiate, per i figli dei nostri figli, e per tutte quelle persone alle quali una politica di avidità ha tolto la voce». In chiusura di questo sentitissimo discorso, Di Caprio ha voluto invitare tutti a «non dare per scontato il pianeta», come lui non ha dato per scontata la serata della sua attesissima premiazione.

(Visited 36 times, 1 visits today)
Condividi l'articolo
La discussione è regolata dalle seguenti Policy