Per il secondo anno consecutivo vi raccontiamo quello che bolle in pentola allo Startup Bootcamp Foodtech di Roma l’acceleratore di startup interamente dedicato al mondo del cibo e dell’agroalimentare.

Innovare e osare dentro lo Startup Bootcamp Foodtech

Lo Startupbootcamp FoodTech è il principale acceleratore di agtech e foodtech italiano e ha sede a Roma. L’obiettivo del programma è quello di dare potere di innovare a tutti coloro che hanno il coraggio di osare e di sperimentare nel mondo dell’agroalimentare e di diventare così i futuri leader delle industrie agricole e alimentari.

Startup Bootcamp Foodtech

Startup tecnologiche ad alta crescita

Dentro lo Startup bootcamp FoodTech di Roma c’è spazio per tute le startup tecnologiche ad alta crescita che operano in tutti i segmenti della catena alimentare, dall’agricoltura ai ristoranti, dalla vendita al dettaglio ai droni passando per i new foods.

Tre mesi al massimo

Nel corso del programma di 3 mesi , le startup selezionate provenienti da tutto il mondo sono cresciute con l’aiuto di un nutrito gruppo di professionisti tra cui imprenditori e investitori. In appena 90 giorni le startup hanno realizzato ciò che normalmente una normale azienda farebbe in un anno e mezzo. Questo è stato possibile grazie alla collaborazione di numerose realtà esterne che giocano un ruolo chiave del settore, tra cui Barilla, Metro Group, Lavazza, World Food Program, Bayer, Tetra Pak, Facebook, Monsanto, Amazon, Cisco e altro e oltre mille business angels provenienti da realtà come Endeit, Earlybird, Sunstone, Google VC, LVenture Group.

Startup Bootcamp Foodtech

Roma e il mercato italiano

L’Italia è il leader mondiale nell’esperienza culinaria e nell’eccellenza alimentare. Ed è anche un leader nella produzione di apparecchiature per la produzione e il trattamento di alimenti e beni di consumo. L’agricoltura italiana incrementa i più alti rendimenti e la produttività per ettaro nel mondo, in quanto rappresenta una delle industrie agrotech più orientate all’innovazione a livello globale. Con la sua grande cultura culinaria e i suoi eccellenti prodotti, l’Italia è il luogo ideale per convalidare e accelerare un’azienda che vuole fare business nel settore della FoodTech. Avere la possibilità di sviluppare il proprio prodotto a Roma e di testarlo nel mercato italiano, occupandosi di tutti i principali attori del settore italiano e internazionale, è un’opportunità che gli startupper hanno capito subito e non si sono fatti scappare.

Startup Bootcamp Foodtech

Startup Bootcamp Foodtech il Demoday

Il 25 gennaio si terrà il demoday, ovvero sarà il giorno in cui le Startup coinvolte nel piano di accelerazione presenteranno al pubblico e davanti a un’ampia platea di potenziali investitori il loro progetto comprensivo di business plan e di dati per misurare la recente (o imminente) discesa sul mercato. Di seguito raccontiamo brevemente chi sono l Startup che stanno partecipando al piano di accelerazione dello Startup Bootcamp Foodtech.

CricketOne produce proteine animali derivanti dai grilli e lo fa grazie all’utilizzo e allo sviluppo di una nuova tecnologia ottimale per sostenere l’allevamento degli insetti.

Green Banana produce della pasta da… delle banane. Lo fa partendo da un composto a base di banane verdi, legumi e verdure e incidendo  in questo modo (positivamente) sui piccoli agricoltori dell’Uganda.

MyFoody è una soluzione innovativa che rompe i vecchi vincoli e le vecchie nozioni e trasforma i rifiuti in valore.

OrganizEat punta a diventare lo sportello unico per tutte le esigenze di cucina. L’obiettivo è semplificare la condivisione, la pianificazione, l’esplorazione e la preazione del cibo. In una sola piattaforma tutto quello che serve per cucinare e soprattutto in un solo clic.

Orthoponics offre soluzioni di agricoltura urbana sostenibili e intelligenti per coltivare facilmente il cibo in casa. Il loro primo prodotto è Ortho, un sistema aquaponico automatizzato che sfrutta l’automazione e la modularità per portare cibo fresco, sano e biologico in ogni casa.

Serket è una società di software che aiuta gli agricoltori a monitorare e rintracciare i maiali individualmente e automaticamente con qualsiasi telecamera. Risolve i problemi di salute degli animali e di sicurezza alimentare con una tecnologia già disponibile e utilizzata in altri settori. Senza Serket, gli agricoltori dovrebbero continuare a usare l’etichettatura intelligente, che è un costo proibitivo per la maggioranza degli operatori del settore.

TrySome è un innovativo marketplace online per i consumatori attenti alla salute alla scoperta di prodotti che siano buoni per le persone e che al tempo stesso facciano del bene al pianeta.

UNA è il modo più intelligente per preparare caffè e tè ovunque e in qualsiasi momento. Si tratta di una combinazione a metà strada tra una birra alla spina e l’utilizzo di cialde di alta qualità ed eco-compatibili.

(Visited 541 times, 1 visits today)
Condividi l'articolo
La discussione è regolata dalle seguenti Policy