Trasporto condiviso

BlaBlaCar: viaggiare chiedendo un passaggio

Oltre 5 milioni fino ad ora gli iscritti al servizio che mette in comunicazione viaggiatori e automobilisti

COME FUNZIONA BLABLACAR. Spesso molte auto viaggiano con un solo passeggero a bordo, uno spreco sia da un punto di vista economico, sia ecologico. L’idea che sta alla base della piattaforma BlaBlaCar è di mettere in contatto guidatori e viaggiatori: i primi mettono a disposizione i posti liberi sulla propria macchina, i secondi contribuiscono economicamente in base alla distanza percorsa. I tipi di servizi sono due: il “car pooling”, ossia brevi tragitti percorsi quotidianamente, ad esempio da pendolari; il “ride sharing” per viaggi lunghi ed occasionali. Per entrare nel database di BlaBlaCar ogni utente si deve registrare. Avrà inoltre la possibilità di lasciare un commento positivo o negativo sulla persona con cui ha viaggiato, evitando in tal modo ad altri brutte sorprese. Esiste anche l’opzione “viaggio in rosa”, che permette alle donne che lo desiderano di viaggiare solo con altre donne.

RIDURRE LA CO2. Secondo un’indagine in Italia il numero di auto circolanti si aggira intorno ai 37 milioni, con un tasso di occupazione di 1,2 persona a veicolo. Questo vuol dire che ogni giorno sono disponibili circa cento milioni di posti liberi sulle macchine private, e che, se tutti viaggiassero con il sistema di BlaBlaCar, si risparmierebbero 40 milioni di tonnellate emissioni di Co2. In Europa, tre miliardi di chilometri sono già stati condivisi da viaggiatori privati grazie e questa piattaforma, con un risparmio di Co2 di 750 mila tonnellate.