Nel 2013 il mondo degli ambientalisti e i fan dell’ingegneria in generale erano rimasti scioccati dall’installazione di quella che allora era la più grande turbina eolica mai costruita: in quell’anno a largo di Le Carnet, in Francia, era infatti stata installata una turbina offshore con una torre da 78 metri e pale lunghe 73,5 metri, capace di soddisfare il fabbisogno energetico elettrico di circa 5mila famiglie francesi. Quattro anni dopo, quel record è già stato dimenticato, surclassato senza tante storie dalle nuove strutture del parco eolico di Burbo Bank, nel mare di Liverpool, in Inghilterra. Lì è stata installata quella che oggi è la più grande turbina eolica del mondo, ovvero un aerogeneratore alto 195 metri, capace di generare 8 megawatt.

La più grande turbina eolica

Mitsubishi e Vestas per la più grande turbina eolica mai immaginata

Insomma, la più grande turbina eolica mai costruita, per adesso, non teme rivali. Pur nella sua spropositata altezza, non è però unica: il nuovo parco eolico britannico ne conta infatti in tutto 32, tutte quante dotate di pale lunghe 80 metri, per una sbalorditiva produzione di energia totale pari a 256 MW. La filosofia che sottostà alla costruzione della più grande turbina eolica del mondo è quella del ‘meglio pochi impianti produttivi che tanti mediocri’. A cambiare le carte in tavola nel mercato mondiale dell’eolico offshore è stata la società MHI Vestas, compagnia giovanissima nata nel 2014 da una partnership tra Vestas e Mitsubishi: è loro l’ideazione delle turbine, mentre l’installazione è stata eseguita dall’azienda danese Dong Energy. La proprietà dell’impianto spetta invece ad una joint venture tra quest’ultima (alla quale viene riconosciuto il 50% della proprietà), Kirbi A/S, che è una società del Gruppo Lego (25%) e Pka (anch’essa 25%). Da notare che la MHI Vestas poteva vantare un record mondiale già nel 2014, quando nel proprio campo prova danese Osterild Wind Turbine Test Field riuscì a produrre la bellezza di 192 megawatt nel giro di sole 24 ore. Come ha spiegato il responsabile per il mercato britannico della Dong Energy Benjamin Sykes, l’installazione della più grande turbina eolica «è una pietra miliare per l’intero settore. Solo pochi anni fa, questa scala della tecnologia era considerata molto ambiziosa. Ora è possibile vederla in funzione e presente sul mercato».

Leggi anche: UN’ISOLA CHE PRODUCE ENERGIA SOSTENIBILE RIFORNIRÀ IL NORD EUROPA

Pale lunghe quanto 7 pullman

Dopo soli tre anni dalla nascita di questa società, la più grande turbina eolica mai concepita non è stata solo progettata, ma anche costruita ed installata con altre 31 sorelle identiche. Questo modello mastodontico destinato a restare nella storia porta il nome V164-8.0 MW: alta 3 volte e mezzo la Torre di Pisa, con delle pale lunghe più o meno quanti 7 pullman, la più grande turbina eolica offshore in funzione copre una superficie circolare di 21.124 metri quadrati, praticamente quanto tre campi da calcio. Avete presente la grandiosità della ruota del London Eye? Ecco, le pale di questa turbina eolica creano un cerchio più vasto. E nel parco eolico di Burbo Bank questo si ripete per 32 volte. La struttura pesa complessivamente 5.900 tonnellate, praticamente quanto 10 Superjumbo Airbus A380 al massimo della loro portata.

I benefici ambientali delle turbine giganti

Ma perché puntare alla costruzione della più grande turbina eolica del mondo? In altre parole, perché costruire 32 turbine giganti invece di realizzarne 60 piccole? Stando ad uno studio dell’Institute of Environmental Engineering dell’Università tecnologica ETH di Zurigo, infatti, maggiore è la grandezza di una turbina, maggiore è anche la sua ecosostenibilità, oltre all’efficienza. Prima di tutto va osservato che, se è vero che una turbina gigante richiede un grande apporto di energia per essere costruita, è anche vero che in proporzione la maggiore energia prodotta ripaga in toto il più grande consumo iniziale. A questo va aggiunto che la messa in opera di progetti faraonici come questo non fa che migliorare la conoscenza teorica e tecnica del mondo dell’eolico, spingendo sempre più in avanti i limiti del possibile nel campo delle rinnovabili. C’è poi da dire che installare una turbina eolica piuttosto che due piccole permette un considerevole risparmio nella costruzione delle fondazioni per i piloni da erigere dal fondo del mare. Non tutti sanno, infatti, che la voce di costo più significativa nella costruzione degli aerogeneratori offshore è costituita proprio dall’approntamento delle fondazioni marine.

Leggi anche: ENERGIA DAL VENTO: ECCO IL GENERATORE EOLICO AD ASSE ORBITANTE

La più grande turbina eolica

Come si costruisce la più grande turbina eolica del mondo?

Di certo la costruzione di questi giganti non è uno scherzo, né dal punto di vista ingegneristico né da quello logistico. La più grande turbina eolica al mondo è stata disegnata e prodotta in una fabbrica sull’isola britannica di Wight, a sud di Southampton. Tutti gli enormi componenti sono poi stati trasferiti nello stabilimento della MHI Vestas di Belfast, dove ha sono state pre-assemblate in vista del viaggio finale verso il parco eolico di Burbo Bank. In tutto, le 32 turbine offshore riusciranno a soddisfare il fabbisogno di circa 230mila famiglie del Regno Unito, con punte di 216.000 chilowattora in 24 ore per ogni turbina.

(Visited 2.522 times, 1 visits today)
Condividi l'articolo
La discussione è regolata dalle seguenti Policy