IRON CURTAIN TRAIL. Sono passati nove anni da quando il parlamentare europeo Michael Cramer propose ai suoi colleghi la creazione della Iron Curtain Trail, invocandola in nome dell’unità e del turismo sostenibile. Ora una lunghissima pista ciclabile attraversa l’Europa da nord a sud, seguendo pari passo il tracciato di quella cortina di ferro che per quasi mezzo secolo divise in due il nostro continente.

ECOLOGISMO E MEMORIA LUNGO LA CORTINA. Combinando cultura, storia ed ecologismo la Iron Curtain Trail si snoda per 6800 chilometri: una linea verde da percorrere in bicicletta ma senza correre, osservando tutto quello che la travagliata storia europea del Novecento ci può insegnare. Ma questo percorso ciclabile non è solo ‘storia’: per ironia della sorte, quel lungo confine che per decenni fu sinonimo di disperazione e morte, ora risplende di buoni intenti ed ecologismo. La pista della Cortina di ferro attraversa infatti ben 150 parchi naturali, sorti quasi spontaneamente dopo anni di isolamento forzato. Si è così realizzato il sogno dell’ultimo presidente dell’Unione Sovietica, Mikhail Gorbaciov, che nei primi anni Novanta aveva lanciato l’idea di un ‘percorso della memoria’ lungo la cortina.

(Visited 831 times, 1 visits today)
Condividi l'articolo
La discussione è regolata dalle seguenti Policy